Oliver Heaviside (1850 – 1925), il genio dimenticato

(Londra, 18 maggio 1850Torquay, 3 febbraio 1925)

E’ nato negli stessi bassifondi londinesi di Dickens.

Era uno studente con grandi capacità ma poco avvezzo a studiare le teorie elaborate da qualcun altro e ben presto andò a lavorare, come telegrafista.

Fino a quando il nuovo Trattato di Maxwell sull’elettromagnetismo gli cambiò la vita. Lasciò il lavoro e si chiuse in una stanza finché non ridusse l’intera teoria del campo in due equazioni, dando ad esse la forma che tutti conoscono e che invece fu attribuita ad Hertz. Elaborò il metodo degli operatori funzionali, dimostrò che non esistevano limiti alla lunghezza delle linee telefoniche e che la telefonia a grande distanza era possibile.

Nel 1902 formulò l’ipotesi dell’esistenza nell’alta atmosfera terrestre di regioni fortemente ionizzate e dotate di potere riflettente per le radioonde: era la regione ionosferica, che fu detta strato di Heaviside, e che oggi viene indicata con la lettera E.

Cambiò lo studio della matematica e della scienza degli anni a venire. A lui si deve la funzione gradino di Heaviside (una funzione discontinua che ha valore zero per argomenti negativi e uno per argomenti positivi), utilizzata nello studio dei circuiti.

Morì a Torquay, nel sud-ovest dell’Inghilterra, in quello che era stato per gli ultimi 25 anni il suo ritiro amaro. Rifiutato dalla comunità scientifica di allora, anche oggi il suo nome fatica ad essere ricordato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: